NSK STATE PAVILION non ha l’intento di opporsi alla suddivisione in stati dei singoli padiglioni nazionali, ma vuole essere un padiglione indipendente che ridefinisce l’idea di stato, offrendo nuove possibili forme di cittadinanza.

Aperto con una conferenza tenuta da Slavoj Žižek presso l’Aula Magna dei Tolentini, trova collocazione nella sede dell’università Iuav di Cà Tron.                                                                                                                                                      La mostra, curata da Zdenka Badovinac e Charles Esche, è suddivisa in due differenti sezioni.

Nella prima parte, l’installazione realizzata dall’artista Ahmet Öğüt costringe a un’alterazione della percezione, a una perdita delle coordinate e ad un sforzo fisico inusuale. Così l’esperienza fisica e concettuale della gravità aiuta nell’interrogarsi sulla nozione di statalità, sulla definizione di cittadinanza e sulle relative pratiche burocratiche necessarie. All’interno di questo primo spazio di “disordine globale”, i delegati dell’NSK hanno poi chiesto a 100 diversi individui di rispondere a domande riguardanti la loro visione e concezione di Europa:                                                                                                                                                                                                                           Che cosa vuoi portare con te del patrimonio europeo per aiutare a costruire un mondo nuovo e migliore?   Che cosa vuoi dimenticare o cancellare dal patrimonio europeo (così come lo concepisci) per evitare di ripetere gli errori del passato?                                                                                                                                                                         Che cosa vuoi portare con te dal patrimonio della tua nazione (così come la concepisci) per aiutare a costruire un mondo nuovo e migliore?                                                                                                                                                                                  Che cosa vuoi dimenticare o cancellare dal patrimonio della tua nazione (così come la concepisci) per evitare di ripetere gli errori del passato?

Nella seconda sezione, si viene accolti nell’Ufficio Passaporti NSK dove gli addetti ricevono i richiedenti, li fotografano e a seguito della compilazione delle pratiche necessarie, rilasciano il passaporto.

Sono più di 15000 le persone aventi un passaporto NSK, persone che, come altre, si interrogano su che cosa sia oggi uno stato, che cosa voglia dire avere una cittadinanza e come affrontare la questione dell’identità.                                                                                                        E l’NSK STATE PAVILION vuole condividere interrogativi, immaginari, idee e possibilità, al fine di guardare oltre l’attuale frammentazione dell’Europa.

 Per l’occasione è stato pubblicato il libro  intitolato “The Final Countdown: Europe, Refugees and the Left” edito da Jela Krečič con scritti di Boris Buden, Mladen Dolar, Saroj Giri, Boris Groys, Agon Hamza, Jamil Khader, Robert Pfaller, Frank Ruda.

Photo: Maria Giulia Sofi e NSK STATE PAVILION

grazie
0