dal 10/05/2017 al 26/11/2017

infoVenezia, Giardini e Arsenale Orario: 10.00 - 18.00 Orario: 10.00 – 20.00 sede Arsenale – venerdì e sabato fino al 30 settembre Chiuso il lunedì (escluso lunedì 15 maggio, 14 agosto, 4 settembre, 30 ottobre e 20 novembre) Intero 48h € 30, Ridotto 48h studenti e/o under 26 € 22 (validi per 48 ore dalla prima convalida – giorni di chiusura esclusi) Intero Regular € 25 (valido per un solo ingresso per ciascuna sede utilizzabile anche in giorni non consecutivi) Riduzioni (validi per un solo ingresso per ciascuna sede anche in giorni non consecutivi) Ridotto € 22 gratuito fino a 6 anni (inclusi)

ALBANIA

Occurrence in present tense

Commissario: Minister of Culture, Mrs. Mirela Kumbaro. Curatore: Vanessa Joan Müller.

Espositore: Leonard Qylafi. Sede: Arsenale

ANDORRA

MURMURI

Commissario: Miriam Ambatlle. Curatori: Ivan Sansa, Javier Balmaseda, Paolo De Grandis. Espositore: Eve Ariza.

Sede: Istituto Provinciale Santa Maria della Pietà, Castello 3701

ANGOLA

Magnetic Memory / Historical Resonance

Commissario: Minister of Culture of Angola, Dr. Carolina Cerqueira. Curatore: José António Oliveira, Maria da Silva de Oliveira e Silva, Paulo Kussy Correia Fernandes. Espositore: José António Oliveira "António Ole". Sede: Venice Art Space, Fondamenta degli Incurabili, Dorsoduro 557

ANTIGUA E BARBUDA

FRANK WALTER, The Last Universal Man

Commissario: Melville Richardson. Curatore: Barbara Paca. Espositore: Frank Walter

Sede: Centro Culturale Don Orione Artigianelli, Fondamenta Nani, Dorsoduro 947

ARABA SIRIANA (Repubblica)

Everybody Admires Palmyra’s Greatness

Commissario/Curatore: Emad Kashout. Espositori: Asma Alfyoumi, Giuseppe Biasio, Lina Dib, Angelo Dozio, Franca Pisani, Anas Al Raddawi, Abdullah Reda, Patrizia Dalla Valle. Sede: Ex Cinema Chiesa del Redentore, Giudecca

ARGENTINA

The Horse Problem

Commissario: Mauricio Wainrot. Curatore: Andrés Duprat. Espositore: Claudia Fontes. Sede: Arsenale

ARMENIA (Repubblica di)

«Fiamma inextinguible», «The panters in my blossom garden», «Border no Border»

Commissario: Svetlana Sahakyan. Curatore: Bruno Corà, Demetrio Paparoni, Giorgio Grasso Espositore: Jean Boghossian, Rafael Megall, Miro Persolja. Sedi: Collegio Armeno Moorat-Raphael (Palazzo Zenobio, Dorso­duro 2596), Chiesa di Santa Croce degli Armeni (Calle dei Armeni, San Marco 965/A)

AUSTRALIA

My Horizon

Commissario: Naomi Milgrom AO. Curatore: Natalie King. Espositore: Tracey Moffatt. Sede: Giardini

www.australiacouncil.gov.au

AUSTRIA

Brigitte Kowanz Erwin Wurm

Commissario/Curatore: Christa Steinle. Espositore: Brigitte Kowanz e Erwin Wurm. Sede: Giardini

www.labiennale.at

AZERBAIGIAN (Repubblica dell’)

UNDER ONE SUN The Art of Living Together

Commissario: Ambassador Mammad Ahmadzada. Curatori: Martin Roth, Emin Mammadov. Espositori: HYPNOTICA Visual Performance Group, Elvin Nabizade. Sede: Palazzo Lezze, Campo Santo Stefano, San Marco 2949

www.azerbaijanvenicebiennale.com

BELARUS (Repubblica di)

Commissario: Sharangovich Natalya, National Center of Contemporary Arts

BELGIO

Dirk Braeckman

Commissario: Sven Gatz, Flemish Minister for Culture, Media, Youth & Brussels. Curatore: Eva Wittocx. Espositore: Dirk Braeckman. Sede: Giardini

www.belgianpavilion.be

BRASILE

Commissario: Fundação Bienal de São Paulo. President: João Carlos de Figueiredo Ferraz.

Curatore: Jochen Volz. Espositore: Cinthia Marcelle. Sede: Giardini

BOLIVIA

Essence

Commissario/Curatore: José Bedoya Sáenz. Curatore: José Bedoya Sáenz, Juan Fabbri, Gabriele Romeo. Espositore: Sol Mateo, Jannis Markopoulos e José Ballivián. Sede: Scuola dei Laneri, Santa Croce 113/A

www.labiennale-bolivia.org

BOSNIA e ERZEGOVINA

University of Disaster

Commissario: Sarita Vujkovic, Museum of Contemporary Art of Republika Srpska. Curatori: Christopher Yggdre, Fredrik Svensk, Sinziana Ravini, Ana van der Vliet in collaborazione con Hans-Ulrich Obrist. Espositori: Radenko Milak in collaborazione con Roman Uranjek e ospiti internazionali (Lamin Fofana, Sidsel Meineche-Hansen, Juan-Pedro Fabra Guemberena, Loulou Cherinet, Geraldine Juárez con Joel Danielsson, Nils Bech con Ida Ekblad). Sede: Palazzo Malipiero, San Marco 3198

CANADA

Commissario: National Gallery of Canada.Curatore:Kitty Scott, Carol and Morton Rapp Curator of Modern and Contemporary Art, Art Gallery of Ontario. Espositore: Geoffrey Farmer. Sede: Giardini

www.gallery.ca/venice/

CECA E SLOVACCA (Repubblica)

Swan Song: Now

Commissario: Monika Palcova. Curatore: Lucia Gregorova Stach. Espositore: Jana Zelibska. Sede: Giardini

CILE

Werken

Commissario: Consejo Nacional de la Cultura y las Artes, Chile. Curatore: Ticio Escobar. Espositore: Bernardo Oyarzun. Sede: Arsenale

http://bienalvenecia.cultura.gob.cl

CINESE (Repubblica Popolare)

Continuum-Generation by Generation

Commissario: China Arts and Entertainment Group. Curatore: Qiu Zhijie, Espositore: Tang Nannan, Wu Jian’an, Wang Tianwen, Yao Huifen. Sede: Arsenale

CIPRO (Repubblica di)

THE FUTURE OF COLOR

Commissario: Louli Michaelidou.Curatore: Jan Verwoert. Espositore: Polys Peslikas. Sede: Associazione Culturale Spiazzi, Castello 3865

COREA (Repubblica di)

Counterbalance: The Stone and the Mountain

Commissario: Arts Council Korea. Curatore: Daehyung Lee. Espositore: Cody Choi, Lee Wan. Sede: Giardini

COSTA D’AVORIO

Commissario: Yacouba Konate. Curatore: Massimo Scaringella. Espositori: Ouattara Aboudramane dit Wats, Jem’s Kokobi, Joana Choumali, Silue Kagnedjatou Joachim, Raimondo Galeano. Sede: Palazzo Dolfin-Gabrielli, Dorsoduro 3593

CROAZIA

Horizon of Expectations

Commissario: Ministry of Culture. Curator: Branka Bencic. Espositore: Tina Gverovic, Marko Tadic. Sede: Arsenale

CUBA

Tiempos de la intuición….

Commissario: Jorge Fernández Torres. Curatore: José Manuel Noceda. Espositori: Abel Barroso, Iván Capote, Roberto Diago, Roberto Fabelo, José Manuel Fors, Aimée García, Reynier Leyva Novo, Meira Marrero & José Ángel Toirac, Carlos Martiel, René Peña, Mabel Poblet, Wilfredo Prieto, Esterio Segura, José Eduardo Yaque. Sede: Palazzo Loredan

DANIMARCA

Influenza: Theatre of Glowing Darkness

Commissario: The Danish Arts Foundation, Committee for Visual Arts Project Funding: Gitte Ørskou (Chair), Lilibeth Cuenca Rasmussen, Bodil Nielsen and Jacob Tækker. Espositore: Kirstine Roepstorff. Sede: Giardini

www.danishpavilion.org

EGITTO

The Mountain

Commissario/Espositore: Moataz Mohamed Nasr Eldin, Curatore: Ministero della Cultura.

Sede: Giardini

EMIRATI ARABI UNITI

Rock, Paper, Scissors: Positions in Play

Commissario: The Salama bint Hamdan Al Nahyan Foundation. Curatore: Hammad Nasar. Espositore: Nujoom Alghanem, Sara Al Haddad, Vikram Divecha, Lantian Xie, Mohamed Yousif. Sede: Arsenale

http://nationalpavilionuae.org

ESTONIA

If Only You Could See What I've Seen with Your Eyes

Commissario: Maria Arusoo. Curatore: Kati Ilves. Espositore: Katja Novitskova. Sede: Palazzo Malipiero (2°piano), San Samuele, San Marco 3199

FILIPPINE

The Spectre of Comparison

Commissario: Virgilio S. Almario Chairman, National Commission for Culture and the Arts (NCCA). Curatore: Joselina Cruz. Espositore: Lani Maestro e Manuel Ocampo. Sede: Arsenale

FINLANDIA (Padiglione Alvar Aalto)

The Aalto Natives

Commissario: Raija Koli, Frame Contemporary Art Finland. Curatore: Xander Karskens. Espositori: Erkka Nissinen e Nathaniel Mellors. Sede: Giardini

http://frame-finland.fi

FRANCIA

Studio Venezia

Commissario: Institut français, with Ministère de la Culture et de la Communication. Curatore: Lionel Bovier and Christian Marclay Espositore: Xavier Veilhan. Sede: Giardini

www.institutfrancais.com

GEORGIA

Living Dog Among Dead Lions

Commissario: Ana Riaboshenko, on behalf of the Ministry of Culture and Monument Protection of Georgia. Curatore: Julian Heynen. Espositore: Vajiko Chachkhiani. Sede: Arsenale

GERMANIA

Anne Imhof / New production for the German Pavilion

Commissario: ifa (Institut für Auslandsbeziehungen) on behalf of the Federal Foreign Office. Curatore: Susanne Pfeffer. Espositore: Anne Imhof. Sede: Giardini

www.deutscher-pavillon.org

GIAPPONE

Turned Upside Down, It's a Forest

Commissario: The Japan Foundation. Curatore: Meruro Washida. Espositore: Takahiro Iwasaki.

Sede: Giardini

http://2017.veneziabiennale-japanpavilion.jp/en/

GRAN BRETAGNA

Commissario: Emma Dexter. Curatore: Harriet Cooper, Delphine Allier. Espositore: Phyllida Barlow. Sede: Giardini

http://venicebiennale.britishcouncil.org

GRECIA

Laboratorio di dilemmi

Commissario: National Museum of Contemporary Art, Athens (EMST), Katerina Koskina. Curatore: Orestis Andreadakis. Espositore: George Drivas. Sede: Giardini

http://greeceatvenice.culture.gr

GRENADA

The Bridge

Commissario: Ministry of Culture, Susan Mains, Curatore: Omar Donia

Espositore: Jason de Caires Taylor, Asher Mains, Milton Williams, Alexandre Murucci, Khaled Hafez ,Rashid Al Kahlifa and Mahmoud Obaidi. Sede: 417 Fondamenta Zattere, Dorsoduro

GUATEMALA

La Marge

Commissario: José Luis Chea Urruela, Ministro della Cultura del Guatemala. Curatore: Daniele Radini Tedeschi. Espositori: Cesar Barrios, Lourdes de la Riva (Maria De Lourdes De La Riva Gutierrez), Arturo Monroy, Andrea Prandi, Erminio Tansini, Elsie Wunderlich, El círculo mágico.

Sede: Palazzo Albrizzi-Capello, Cannaregio 4118

www.biennaleguatemala.com

INDONESIA

1001 Martian Homes

Commissario: Agency for Creative Economy/Badan Ekonomi Kreatif (BEKRAF): Ricky Joseph Pesik, Melani W. Setiawan, Amalia P. Wirjono, Diaz Parzada, Enin Supriyanto.

Curatore: Agung Hujatnikajennong. Espositore: Tintin Wulia. Sede: Arsenale

IRAN

Tapesh: The golden reserve of magmatic thought

Commissario/Curatore: Majid Mollanoroozi. Espositore: Bizhan Bassiri.

Sede: Palazzo Donà delle Rose, Cannaregio 5101

IRAQ

Archaic

Commissario: Ruya Foundation. Curatore: Tamara Chalabi e Paolo Colombo. Espositore: Antiquities for the Iraq Museum, Francis Alys, Jewad Selim, Shakir Hassan al-Said, Sadik alFraiji, Sherko Abbas, Sakar Sleiman, Nadine Hattom, Luay Fadhil, Ali Arkady. Sede: Palazzo Cavalli Franchetti, 3° piano, San Marco 2847

https://ruyafoundation.org/en/project/venice-biennale-2017/

IRLANDA

Tremble Tremble (Tremate Tremate)

Commissario/Curatore: Tessa Giblin, Director Talbot Rice Gallery, University of Edinburgh. Espositore: Jesse Jones. Sede: Arsenale

ISLANDA

Out of Control in Venice

Commissario: Eiríkur Thorláksson. Curatore: Stefanie Böttcher. Espositore: Egill Sæbjörnsson.

Sede: Spazio Punch, Giudecca 800/o

ISRAELE

Sun Stand Still

Commissario: Michael (Miki) Gov, Arad Turgeman. Curatore: Tami Katz-Freiman.

Espositore: Gal Weinstein. Sede: Giardini

ITALIA

Commissario: Federica Galloni, Direttore Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Curatore: Cecilia Alemani. Espositori: Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey. Sede: Padiglione Italia, Tese delle Vergini all’Arsenale

KIRIBATI ***

ARS LONGA, VITA BREVIS! / SINKING ISLANDS, UNSINKABLE ART

Commissario: Ministry of Internal Affairs, Eera Teakai Baraniko. Curatori: Pelea Tehumu, Nina Tepes. Espositori: Performance Group Kairaken Betio; Teroloang Borouea, Neneia Takoikoi, Tineta Timirau, TeetiAaloa, Kenneth Ioane, Kaumai Kaoma, Runita Rabwaa, Obeta Taia, Tiribo Kobaua, Tamuera Tebebe, Rairauea Rue, Teuea Kabunare, Tokintekai Ekentetake, Katanuti Francis, Mikaere Tebwebwe, Terita Itinikarawa Kaeua Kobaua, Raatu Tiuteke, Kaeriti Baanga, Ioanna Francis, Temarewe Banaan Aanamaria Toom, Einako Temewi, Nimei Itinikarawa, Teniteiti Mikaere, Aanibo Bwatanita, Arin Tikiraua. Visual Artist: Daniela Danica Tepes. Performance Group Ngaon Nareau: Teata Tetoki, Raakai Ianibata, Taorobwa Bakatokia, Tekaei Kaairo, Nabiri Kaaraiti, Abetena Itaaka, Bwobwaka Bwebwere.

Sede: Palazzo Mora, Strada Nuova, Cannaregio 3659

KOSOVO (Repubblica del)

LOST AND FOUND

Commissario: Valon Ibraj. Curatore: Arta Agani. Espositore: Sislej Xhafa. Sede: Arsenale

LETTONIA

What Can Go Wrong

Commissario: Daiga Rudzate. Curatore: Inga Šteimane. Espositore: Mikelis Fišers. Sede: Arsenale

LIBANO

ŠamaŠ

Commissario: Nouhad Younes. Curatore: Emmanuel Daydé. Espositore: Zad Moultaka.

Sede: Arsenale Nord

LITUANIA

R

Commissario: Kestutis Kuizinas, Contemporary Art Centre, Vilnius. Curatore: Ula Tornau, Asta Vaiciulyte, Contemporary Art Centre, Vilnius. Espositore: Žilvinas Landzbergas. Sede: Scuola San Pasquale, San Francesco della Vigna, Castello 2786

LUSSEMBURGO (Granducato di)

Thank you so much for the flowers

Commissario: Ministère de la Culture. Curatore: Kevin Muhlen, Director of Casino Luxembourg – Forum d’art contemporain. Espositore: Mike Bourscheid. Sede: Ca’ del Duca 3052 Corte del Duca Sforza, San Marco, Venezia

MACEDONIA (Ex Repubblica Jugoslava di )

Red Carnival

Commissario: Nata Keckarovska. Curatore: Branislav Sarkanjac. Espositore: Tome Adzievski

MALTA

HOMO MELITENSIS - An Incomplete Inventory in 19 Chapters

Commissario: Arts Council Malta. Curatore: Raphael Vella e Bettina Hutschek. Espositori: Adrian Abela, John Paul Azzopardi, Aaron Bezzina, Pia Borg, Gilbert Calleja, Austin Camilleri, Roxman Gatt, David Pisani, Karine Rougier, Joe Sacco, Teresa Sciberras, Darren Tanti and Maurice Tanti Burlo’ and artefacts from Heritage Malta’s National collection, Ghaqda tal-Pawlini, private collections and various archives. Sede: Arsenale

MAURITIUS

Speeded Up Nature

Commissario: Thivynaidoo Perumal Naiken, National Art Gallery. Curatore: Olga Jürgenson. Espositori: Michael Lalljee, Robert Rauschenberg, SEO, Jacques Désiré Wong So. Executor: Krishna Luchoomun. Sede: Istituto Santa Maria della Pietà, Castello 3701

MESSICO

The life in the folds

Commissario: Gabriela Gil Verenzuela Curatore: Pablo Leon de la Barra. Espositore: Carlos Amorales.

Sede: Arsenale

MONGOLIA

Lost in Tngri (Lost in Heaven)

Commissario: Munkh-Orgil Tsend, Minister of Foreign Affairs. Curatore: Dalkh-Ochir Yondonjunai Espositore: Chimeddorj Shagdarjav, Enkhtaivan Ochirbat, Munkhbolor Ganbold, Bolortuvshin Jargalsaikhan, Davaajargal Tsaschikher. Sede: Osservatorio, Riva Sette Martiri

MONTENEGRO

COVJEK UOMO HUMAN

Commissario: Nenad Šoškic, Contemporary Art Center of Montengro. Curatore: Žana Filipovic. Espositore: Ivana Radovanovic e Adin Rastoder. Sede: Palazzo Malipiero (primo piano), San Marco 3078-3079/A, Ramo Malipiero

http://artbiennale.me/index.php/me/

NIGERIA ***

Commissario: Godwin Obaseki. Curatore: Adenrele Sonariwo. Espositori: Peju Alatise, Victor Ehikhamenor, Quddus Onikeku. Sede: Scoletta dei Tiraoro e Battioro, San Stae, Santa Croce 2059

NUOVA ZELANDA

Lisa Reihana: Emissaries

Commissario: Alastair Carruthers. Curatore: Rhana Devenport. Espositore: Lisa Reihana. Sede: Arsenale

www.nzatvenice.com

OLANDA

Cinema Olanda

Commissario: Mondriaan Fund. Curatore: Lucy Cotter. Espositore: Wendelien Van Oldenborgh. Sede: Giardini

www.mondriaanfonds.nl/en/activity/venice-biennale/

PAESI NORDICI (FINLANDIA – NORVEGIA – SVEZIA)

Mirrored

Commissari: Ann-Sofi Noring, Moderna Museet (Svezia) con Katya Garcia-Antón, Office for Contemporary Art Norway OCA (Norvegia) e Raija Koli, Frame Contemporary Art Finland (Finlandia). Curatore: Mats Stjernstedt. Espositori: Siri Aurdal, Nina Canell, Charlotte Johannesson, Jumana Manna, Pasi “Sleeping” Myllymäki e Mika Taanila.

Sede: Giardini

PERÙ

Land of Tomorrow

Commissario: Armando Andrade de Lucio. Curatore: Rodrigo Quijano. Espositore: Juan Javier Salazar. Sede: Arsenale

POLONIA

Little Review

Commissario: Hanna Wroblewska. Curatore: Barbara Piwowarska. Espositore: Sharon Lockhart. Sede: Giardini

http://labiennale.art.pl

PORTOGALLO

Medida Incerta | Uncertain Mesure

Commissario: Paula Varanda, Direzione Generale delle Arti. Curatore: João Pinharanda.

Espositore: José Pedro Croft. Sede: Giudecca

ROMANIA

GETA BRATESCU - APPARITIONS

Commissario: Attila Kim. Curatore: Magda Radu. Espositore: Geta Bratescu.

Sede: Giardini e New Gallery of the Romanian Institute for Culture and Humanistic Research (Campo Santa Fosca, Palazzo Correr, Cannaregio 2214)

RUSSIA

Theatrum Orbis

Commissario/Curatore: Semyon Mikhailovsky. Espositore: Grisha Bruskin, Recycle Group, Sasha Pirogova. Sede: Giardini

SAN MARINO (REPUBBLICA DI)

Repubblica di San Marino “Friendship project”

Commissario: Paolo Rondelli, Direttore Istituti Culturali della Repubblica di San Marino. Curatore: Vincenzo Sanfo, Espositori: Priscilla Beccari, Giancarlo Frisoni, Giovanni Giulianelli, Sisto Righi, Patrizia Taddei, Marco Tentoni, Xing Gang, Lee Kuang Yu, Zhang Wang, Zhao Wumian, Yishan, Fu Yuxiang. Sedi: Ateneo Veneto, Campo San Fantin 1897, Palazzo Rota Ivancich, Castello 4421, Liceo Artistico Statale, Palazzo Giustinian Recanati, Dorsoduro 1012, Centro artigianale Don Orione Artigianelli, Dorsoduro 947

SERBIA

ENCLAVIA - Painting, consequence of this kind of life

Commissario: Slobodan Nakarada. Curatore: Nikola Šuica. Espositore: Vladislav Šcepanovic,

Milena Dragicevic, Dragan Zdravkovic. Sede: Giardini

SEYCHELLES (Repubblica di)

Commissario: Benjamin Rose, Principal Secretary for Culture. Curatore: Martin Kennedy

SINGAPORE

Dapunta Hyang: Transmission of Knowledge

Commissario: Paul Tan, Covering CEO, National Arts Council Singapore. Espositore: Zai Kuning.

Sede: Arsenale

SLOVENIA (Repubblica di)

Newsreel 63

Commissario: Zdenka Badovinac, Modern Gallery. Curatore: Andreja Hribernik.

Espositore: Nika Autor. Sede: Arsenale

SPAGNA

“¡Únete! Join us!”

Commissario: AECID, Ministero Affari Esteri. Curatore: Manuel Segade. Espositore: Jordi Colomer.

Sede: Giardini

STATI UNITI D’AMERICA

Tomorrow is Another Day

Commissario: Christopher Bedford, Dorothy Wagner Wallis Director, The Baltimore Museum of Art, and Adjunct Professor of the Practice in Fine Arts, Brandeis University. Curatore: Christopher Bedford and Katy Siegel, Senior Programming and Research Curator, The Baltimore Museum of Art. Espositore: Mark Bradford. Sede: Giardini e San Polo 2559/A (Fondamenta dei Frari)

www.markbradfordvenice2017.org

SUDAFRICA (Repubblica del)

Candice Breitz, Mohau Modisakeng

Commissario: Titi Nxumalo, Console Generale. Curatore: Lucy MacGarry e Musha Neluheni. Espositore: Candice Breitz e Mohau Modisakeng. Sede: Arsenale

http://thesouthafricanpavilion.co.za

SVIZZERA

Women of Venice

Commissario: Sandi Paucic e Marianne Burki, Swiss Arts Council Pro Helvetia. Curatore: Philipp Kaiser. Espositore: Teresa Hubbard / Alexander Birchler e Carol Bove. Sede: Giardini

http://biennials.ch

THAILANDIA

Krung Thep Bangkok

Commissario: Vimolluck Chuchat, Director - General of Office of Contemporary Art and Culture, Ministry of Culture. Curatore: Numthong Sae Tang. Espositore: Somboon Hormtientong.

Sede: InParadiso Gallery, Castello 1260

www.thaipavilion2017.com

TUNISIA

The Absence of Paths

Commissario: The Presidency of the Republic and the Tunisian Ministry of Culture. Curatore: Lina Lazaar. Espositore: Anonymous.

TURCHIA

ÇIN

Commissario: Istanbul Foundation for Culture and Arts (IKSV). Espositore: Cevdet Erek. Sede: Arsenale

www.iksv.org/en/biennialofvenice

TUVALU

Climate Canary

Commissario: Taukelina Finikaso, Minister of Foreign Affairs, Trade, Tourism, Environment and Labour. Curatore: Aida Yuen Wong. Espositore: Vincent J.F. Huang. Sede: Arsenale

UCRAINA

Parliament

Commissario: Svitlana Fomenko, First Deputy Minister of Culture. Curatori: Peter Doroshenko, Lilia Kudelia. Espositore: Boris Mikhailov. Sede: Studio Cannaregio, Cannaregio 1345/D

http://ukrainianpavilion2017.org

UNGHERIA

Peace on Earth

Commissario: Julia Fabényi. Curatore: Zsolt Petrányi. Espositore: Gyula Várnai. Sede: Giardini

URUGUAY

La legge dell’imbuto

Commissario: Alejandro Denes. Curatore: Gabriel Peluffo Linari. Espositore: Mario Sagradini.

Sede: Giardini

VENEZUELA (Repubblica Bolivariana del)

Formas escapándose del marco

Commissario: Luis Carlos Calzadilla Pérez, Curatore: Morella Jurado Capecchi.

Espositore: Juan Alberto Calzadilla Álvarez. Sede: Giardini

ZIMBABWE (Repubblica dello)

Deconstructing Boundaries: Exploring Ideas of Belonging

Commissario: Doreen Sibanda. Curatore: Raphael Chikukwa. Espositore: Sylvester Mubayi, Charles Bhebe, Dana Whabira e Admire Kamudzengerere. Sede: Santa Maria della Pietà

Nuove partecipazioni: Antigua e Barbuda, Kiribati, Nigeria

Sito web ufficiale della Biennale Arte 2017: www.labiennale.org

Hashtag ufficiale: #BiennaleArte2017

Facebook: La Biennale di Venezia | Twitter: @la_Biennale | Instagram: labiennale

Ufficio Stampa

Ca’ Giustinian San Marco 1364/A 30124 Venezia Tel. +39 041 5218 - 846/849 - Fax 041 5218812 infoartivisive@labiennale.org

Capo Ufficio Stampa

Maria Cristiana Costanzo Ufficio Stampa Arti Visive La Biennale di Venezia artestampa@labiennale.org

La vernice avrà luogo nei giorni 10, 11 e 12 maggio, la cerimonia di premiazione e di inaugurazione si svolgerà sabato 13 maggio 2017.

Pubblica qui la tua opinioneright
2017-05-31
Events 1
Votes 27
Opinions 16
grazie
2

L’opera come set, la voce come materiale (Parte II): Wendelien van Oldenborgh, Cinema Olanda.

Nel 1954 Gerrit Thomas Rietveld riprogetta il Padiglione Olanda nei Giardini della Biennale di Venezia utilizzando un modulo di quattro metri, ripetuto in lunghezze, larghezze e altezze, secondo i principi costruttivi dettati negli anni ’20 da Theo van Doesburg: leggerezza, organicità, funzionalità. L’architettura olandese postbellica diffida delle masse pesanti e monumentali su cui i fautori degli ultimi conflitti mondiali avevano fondato le loro ideologie.

Wendelien van Oldenborgh, che da sempre mostra un occhio di interesse all’architettura, campo a cui si volge per i suoi studi sulle dinamiche sociali, politiche e interculturali, non poteva rimanere indifferente alla storia e alla conformazione del Padiglione entro cui stava per intervenire. L’artista pensa per questa Biennale un allestimento di per sé molto eloquente: esso ha forti richiami all’architettura di Lina Bo Bardi – architetta italiana naturalizzata brasiliana – di cui van Oldenborgh è una grande conoscitrice e che a sua volta guarda al molto al Neoplasticismo; stella della progettualità radicale, che non dimenticò mai come quello dell’architetto è un mestiere in cui intima conoscenza della natura umana, amore per la bellezza e coscienza politica si saldano tra loro, nell’abbraccio del costruire. Quattro pannelli colorati, di cui due mondrianamente rossi e gialli, giocano con i tre ambienti del progetto di Rietvield, pensati già dall’architetto olandese perché potessero assecondare ogni volta le nuove esigenze dei loro occupanti. Una ragazza in visita si fa fare uno scatto da un amico: un primo piano con la piatta superficie del pannello rosso a sfondo. Più tardi ne vedo un’altra, poco dopo un altro ancora. Le pareti vengono curiosamente vissute dai visitatori come fondali di un set fotografico. Non credo che a van Oldenborgh dispiaccia, il set è la sua casa.

Entrando sulla destra si trova Footnotes to Cinema Olanda (2017), e come quando prendo in mano un libro, mi trovo prima a scorrere le note a piè di pagina per avere un assaggio di quello che mi aspetta. Ma qui le note stesse si attivano al mio scorrerle: a ogni mio passo le immagini sui pannelli a stampe lenticolari mutano, e condensano in un unico tempo frames di riprese escluse dal montaggio di uno dei tre video in mostra, Cinema Olanda (2017), per l’appunto.

Nel secondo ambiente trovo Prologue: Squat/Anti-squat (2016). Il video è composto da due parti, entrambe di 15 minuti, presentate sincronicamente ciascuna su una delle due facce della stessa superficie: lo schermo diventa elemento architettonico al pari delle pareti e detta le regole dello spazio. A essere protagonista del video è ancora un’architettura, una grande pancia entro la quale si generano e incrociano diverse storie di vita. Si tratta di Tripolis, un complesso di edifici costruito su progetto di Aldo Van Eyck nella periferia di Amsterdam, agli inizi degli anni ’90. Il video documenta alcuni incontri tenutisi all’interno dell’edificio, tra personaggi che in modi diversi sono stati parte della vita del luogo, o di luoghi che ne condividono le sorti. Attraverso frammenti dei loro dialoghi, scena dopo scena, si intesse non solo la storia di Tripolis, ma un ritratto complesso e sfaccettato della società olandese in relazione ai diritti per la casa e alle politiche di accoglienza.

Nikon è attualmente la maggior abitante di questo mostro edile, nato in realtà sotto le più virtuose intenzioni, nei toni utopici dell’housing sociale degli anni ’60 e ’70, ma sono ben 19.200 i metri quadrati ancora in disuso. Il complesso – dove la luce filtra a spron battuto dalle ampie vetrate, dove l’organizzazione dello spazio è pensata per facilitare il co-working e nel rispetto delle esigenze umane e sociali del lavoratore – è diventato negli anni il perfetto richiamo a gruppi di occupanti. E infatti nel marzo 2016 un movimento nomade di occupanti ne ha fatto per un breve tempo la sua abitazione. We Are Here, questo è il nome del collettivo: uomini e donne provenienti principalmente dall’Africa Occidentale e Centrale, che dopo aver migrato per il mondo, dal 2011 migrano di spazio vuoto in spazio vuoto nei pressi di Amsterdam. Ironia vuole che questo stesso tetto protegga gli interessi di una grande impresa che fa dell’anti-squat la sua fonte di profitto. I proprietari degli immobili si rivolgono a imprese come questa affinché i loro enormi e costosissimi spazi vuoti vengano tenuti puliti da scomodi occupanti; le imprese prendono in gestione gli immobili e li affittano a studenti e precari a prezzi incredibilmente bassi e senza vincoli per quanto riguarda la disdetta. Sono sempre di più le persone che oggi, sedotte dal gran vantaggio economico, si trovano a modellare la propria quotidianità negli ambienti freddi e scostanti di uffici e magazzini. Una sottotraccia di questa prima narrazione fonda le proprie radici in un tempo più lontano, in particolare il 1969, anni della più grande occupazione studentesca dell’Università di Amsterdam e il 1970, in riferimento all’occupazione del quartiere di Bijlmer (Amsterdam) a opera di un gruppo di attivisti dei Caraibi olandesi. Queste date sono messe a confronto con le più recenti occupazioni del Maagdenhuis dell’Università di Amsterdam e con l’attività di gruppi di attivisti che si occupano di integrazione e diversità, come la University of Colour e Amsterdam United. Sui movimenti degli anni ’60 e ’70 e sulla risposta accomodante che hanno suscitato nelle politiche di governo nel loro immediato avvenire, l’Olanda ha costruito la propria immagine di paese tollerante e progressista. Eppure chi ben conosce la storia dei Paesi Bassi, saprebbe raccontare come la legalizzazione dello squatting sia una questione controversa: la normalizzazione dell’occupazionismo è stata anche una strategia di controllo dell’ordine sociale. Essa ha portato a una depotenzializzazione di ogni voce di dissenso; all’assorbimento della carica creativa, artistica, poetica e intellettuale dei giovani attivisti in progetti di investimento economico del paese, il cosiddetto capitalismo cognitivo; al dilagare della retorica dell’innovazione, spesso accompagnata, in urbanistica, da politiche di gentrificazione. Evidentemente però a tutto ciò erano sopravvissute energie radicali ancora forti, sentite come una minaccia dagli ultimi governi, influenzati anche dal sempre maggior seguito popolare delle destre xenofobe: nel 2010 viene introdotta la legge anti-squat, che colpisce non solo la fascia di giovani olandesi politicizzati, ma anche migliaia di migranti.

Van Oldenborgh non parte dal presupposto di voler raccontare una determinata versione della storia, o meglio, quello che scorre sullo schermo è uno scenario che l’artista stessa scopre insieme alla videocamera e insieme ai personaggi che chiama a partecipare al progetto. Per l’artista il momento della composizione del lavoro coincide con il momento della ricerca, e non può essere del tutto scisso dal prodotto finale, il video presentato in allestimento. Van Oldenborgh cita Jean Rouch e la sua idea di macchina da presa come catalizzatore: l’ipercoscienza del sé che si prova quando si sa di essere guardati induce l’uomo a delineare il proprio carattere in una posizione statizzata, così di fronte all’obiettivo si vengono a generare scene e ruoli sempre in bilico tra realtà e finzione, dove però la parodia di noi stessi è in fondo forse più autentica di ogni altra immagine che di noi possiamo offrire.

Il linguaggio usato da van Oldenborgh guarda quindi in parte al documentario, in parte al cinema di fiction, in parte alla ricerca sociologica, e in parte – parrebbe – all’arte partecipata. C’è però un aspetto delicato da precisare rispetto agli ultimi due punti. Da una parte le persone con cui collabora non sono semplicemente oggetto della sua osservazione, come nell’approccio alla ricerca sociologica, ma sono materiale vivo di sperimentazione, che entra in forte relazione dialettica con l’artista. D’altra parte, per quanto alle voci chiamate in causa sia delegata una grande responsabilità rispetto al prodotto finale, la loro esperienza non è il centro dell’operazione. Il momento dell’opera non è da collocarsi in ciò che gli attori/partecipanti vivono durante l’incontro, ma in ciò che ne risulta. Le loro parole sono materiale di cui l’artista si appropria e che poi organizza, in un secondo momento, in un copione. Il momento del montaggio coincide dunque curiosamente con la scrittura del copione.

«I work with cinematic language, but actually I don’t write scripts before I film. I’m very interested in the idea of script, which I understand as a structural organization of words, voices, images, and sounds. However I really like to work with that which I cannot yet know. and I believe that the script emerges whiles producing, with various elements and these elements can be the peolpe, the cast and the crew, ideas, words, places, locations. Then, during the editing process the script is perfected and maybe made.» (Wendelien van Oldenborgh in una conferenza al MIT Massachusetts Institute of Technologies, 9 novembre 2015)

La voce dell’autrice si evince insomma inevitabilmente nell’editing, van Oldenborgh quindi rivendica la maternità del lavoro, di cui non divide con nessuno né la proprietà intellettuale, né la responsabilità che deriva da tale assunzione. È indubbio che nel fare ciò l’artista assuma a sua volta una posizione rispetto ai fatti e non la nasconde dietro una pretesa oggettività; suo è un tono assertivo, ma del pensiero veicolato viene presentato anche il processo stesso attraverso cui si è strutturato. Il quadro che risulta è stratificato, complesso, nessuna sfumatura è soffocata dal prevalere di voci più forti. Le incertezze iniziali nella conduzione della regia che – racconta van Oldenborgh – mettono talvolta in difficoltà gli attori, costretti a improvvisare, si assestano progressivamente, attraverso un processo quasi pedagogico di incontro e confronto delle parti. Guardo la prima parte del video, mentre la sua faccia complementare scorre dall’altra parte dello schermo, senza che io possa accedervi. Per poter venire a conoscenza di tutti gli elementi della narrazione dovrò spostarmi sul lato opposto della stanza, cambiare la mia posizione, il mio punto di vista.

In fondo alla sala una grande scalinata a gradoni in legno potrebbe essere l’estensione del paesaggio urbano sullo schermo. Cinema Olanda è stato pensato e realizzato con lo stesso procedimento di Prologue: squat/anti-squat, e anche qui spazio sociale e spazio architettonico, in questo caso urbanistica, si intrecciano, e mostrano un intimo legame che va del tutto fuor di metafora. Il quartiere di Pendrecht, a Rotterdam, fa da sfondo a nuovi dialoghi; tra le battute si delineano in particolare tre storie. Lotte Stam Bese fu l’urbanista che, negli anni ’50, progettò il quartiere in cui il film è ambientato; egli guardò molto al Bauhaus, partecipò a diversi CIAM ed è oggi ricordato per il suo impegno socialista. Il secondo ritratto tracciato è quello di Otto Huiswoud, attivista nella lotta anti-imperialista, primo membro nero del Partito Comunista Americano, ma originario del Suriname, paese che ottenne l’indipendenza dai Paesi Bassi nel 1954. La terza storia raccontata è quella della grande migrazione verso l’Olanda verificatasi in seguito alla dichiarazione di indipendenza dell’Indonesia. Due chitarristi suonano musica Indo-rock, un genere nato in Olanda negli anni ’50 come conseguenza del meticciamento della cultura europea e quella indonesiana. Per questo lavoro van Oldenborgh fa molto appello al campo della musica. Il film si conclude con l’esibizione degli Addiction, un giovane gruppo Olandese caratterizzato da una formazione multiculturale, a cui van Oldenborgh ha chiesto di scrivere un pezzo ad hoc per l’occasione. Cambiare forma di espressione permette di vedere con nuova freschezza anche il pensiero veicolato, è il meccanismo della distanziazione brechtiana. È qui che van Oldenborgh si fa riconoscere in quanto artista, non cineasta, non documentarista, in merito a questa sua forte attitudine a lavorare diversi linguaggi come fossero materia. Il manifesto di van Doesburg torna a fare eco: categorie fisiche e metafisiche (luce, colore, funzione, tempo, spazio, volume, materiali) sono considerate al pari tutte elementi di costruzione. E proprio cavalcando il linguaggio – quello verbale, quello architettonico, quello della musica – ci conduce attraverso una serie di salti temporali, in un ciclo continuo dove il passato diventa interessante nella misura in cui permette di leggere il presente: la storia dei neri caraibici costituisce un’eredità ancora viva nel presente della popolazione olandese.

Mi tornano alla mente le parole di Reinhard Baumgart, che Alexander Kluge cita in apertura del suo film Abschied von gestern (La ragazza senza storia, 1966), «Uns trennt von gestern kein Abgrund, sondern die veränderte Lage.» (Ciò che ci separa da ieri non è un abisso, ma un cambiamento di posizione). L’architettura che struttura l’allestimento si fa essa stessa script, detta i movimenti dei visitatori sulla scena: reticolato rigido, tagliente, ma al contempo informe, come secondo i principi del Neoplasticismo. Esso in parte invita a cambiare continuamente posizione; in parte lascia la facoltà a ognuno di negarsi al suo controllo e di piegare lo spazio alle proprie regole. Quella che può sembrare una contraddizione di termini, che complica la lettura di ogni grande movimento di riforma progressista – di stampo utopico e socialista – della Storia, è la continua ricerca di un sottile equilibrio tra regola e informe, tra obbligo e libertà, tra copione e improvvisazione. Van Oldenborgh trova la frattura capace di rompere questa dicotomia nella formula dell’incertezza, dell’indugio, aspetto che, in ultima analisi, fa rientrare in tutto e per tutto la sua pratica in quelle di indirizzo pedagogico.

2017-05-22
Events 1
Votes 3
Opinions 3
grazie
1

Il Dilemma

Laboratory of dilemmas è il titolo del lavoro presentato dall’artista George Drivas, curata da Orestis Andreadakis, per il Padiglione della Grecia, ai Giardini della Biennale 2017.

Una video ed audio istallazione peripatetica che immerge il visitatore nei più ricorrenti dubbi sociopolitici contemporanei.

L’opera, traendo ispirazione dalla tragedia di Eschilo “Le supplici”, ci pone di fronte allo stesso dilemma proposto dal tragediografo greco più di 2000 anni fa: cosa fare di fronte a qualcosa di nuovo che mette in pericolo il preesistente?

Nel caso di Eschilo, le supplici avevano lasciato L’Egitto ed erano arrivate ad Argo, chiedendo asilo al re.

Il dilemma era se accogliere la loro richiesta, che avrebbe sicuramente scatenato una guerra con l’Egitto e quindi messo a repentaglio la sicurezza del paese o rifiutarla, venendo meno alla sacra legge dell’ospitalità e del senso di umanità.

Drivas, nel riportare il dramma ad oggi ci propone un lavoro più complesso, con diversi elementi architettonici e narrativi, che hanno un chiaro riferimento alla cultura classica greca.

Lo spettatore entrando nel padiglione è invitato a seguire un percorso, per il quale potrà prima camminare lungo un corridoio sollevato e vedere 6 piccoli video.

I video mostrano altrettanti estratti, come di materiali ritrovati, di un ipotetico documentario su un esperimento scientifico sulle cellule del fegato: si sono formate nuove cellule, che potrebbero essere un’interessante scoperta per la medicina ma che potrebbero distruggere le vecchie cellule.

L’esperimento per ragioni che non si conoscono è rimasto incompleto, il professore che lo stava seguendo è sparito nel nulla!

Scendendo al piano terrà, lo spettatore si ritroverà dentro un labirinto dove in diversi punti potrà ascoltare altre tracce sonore, relative al documentario e dunque all’esperimento.

Alla fine di queste due parti del percorso, ricongiungendo come in un puzzle tutte le informazioni, lo spettatore finirà per essere anch’egli coinvolto nel grande dilemma .

Cosa fare? Accogliere il nuovo o salvaguardare il vecchio?

Nell’ultima parte del percorso, in un grande schermo l’ultima porzione del finto documentario, mostra la ricostruzione della riunione di tutti gli scienziati del laboratorio e l’esposizione delle varie ipotesi su che cosa fare.

Ad evidenziare la ricostruzione filmica, Charlotte Rampling ed altri noti attori interpretano gli scienziati e le loro diverse opinioni.

Ma nel momento di maggior tensione il documentario si interrompe, anche qui manca il finale, il Dilemma rimane aperto.

Ma l’esperimento di Drivas è riuscito: lo spettatore uscirà dal padiglione senza una risposta ma con molte domande sul nostro tempo.

Letizia Caudullo.

2017-05-17
Events 1
Votes 27
Opinions 16
grazie
0

Chão de caça, Cinthia Marcelle

È passata immeritatamente in sordina (per lo meno nella stampa italiana) la menzione d’onore data al padiglione del Brasile, in cui Cinthia Marcelle (Belo Horizonte, 1974) risponde all'invito del curatore Jochen Volz presentando il lavoro Chão de caça.

Pur limitando il suo intervento alla pavimentazione dello spazio, l’artista riesce a stravolgere la percezione dell’architettura modernista del padiglione. Una grata di ferro è sospesa a qualche decina di centimetri sopra il pavimento: è una di quelle griglie che si trovano sui marciapiedi a coprire gli sbocchi delle gallerie sotterranee della metropolitana; di quelle che puntualmente si cercano di evitare, perché camminarci sopra provoca un senso di disagio e insicurezza. Qui però non c’è alternativa, non c’è un suolo più sicuro su cui camminare se si vuole passare oltre la porta dalla quale si accede al secondo ambiente del padiglione. La grata è leggermente inclinata verso l’alto e tra le sue maglie di ferro sono incastrati, qua e là, dei sassi. Sembrano cascati dall’alto, ma se siano i resti di una pesantissima pioggia – apocalittica e surreale – o se siano i resti del lento accumulo di un vivere metropolitano, questo non è chiaro.

Sulla parete di fronte all’ingresso, a destra, si trovano una serie di pezzi di stoffa appesi uno sopra l’altro, sembrano pezzi di lenzuola bianche tagliate male, strappate. Uno di essi era originariamente a righe bianche e nere, ma le sue righe nere sono state minuziosamente e pazientemente coperte di pittura bianca. Penso a Buren, ma non mi è dato ancora sapere se l’associazione abbia un senso. Questo primo ambiente rilascia diversi indizi che ancora non riescono a prendere una configurazione unitaria e chiara. L’insicurezza dello spettatore non è solo dovuta al dover camminare sulla grata, ma data anche dall’assenza di qualsiasi apparato scritto che lo aiuti nella comprensione di ciò a cui sta assistendo.

Passati nel secondo ambiente si ritrovano quegli stessi pezzi di stoffa bianchi, ora in cima a delle alte aste di legno chiaro, da cantiere, fortunosamente incastrate negli spazi della grata. Le bandiere bianche sono simbolo dell’arresa, sembrano l’invocazione di una tregua. Voltandosi alle proprie spalle, il monitor avvolto in uno straccio e appoggiato alla parete sulla destra dello spazio, è la chiave che svela i legami tra i vari elementi finora incontrati. Il video, realizzato da Marcelle in collaborazione con il regista Tiago Mata Machado, mostra l’inquadratura fissa di un tetto di tegole, in cattive condizioni. Qua e là delle mani anonime cercano di aprirsi dei buchi dall'interno, delle vie di fuga per liberarsi dallo spazio entro cui sono confinate. Allora i sassi in terra potrebbero essere i detriti caduti da quel tetto; la grata il suolo di quella prigione; le bandiere l’urlo stravolto di quegli uomini; le linee di pittura sulla stoffa l’esercizio paziente e disperato di chi farebbe di tutto per volgere la situazione a un esito positivo.

Non è specificato da nessuna parte a quale tipo di confinamento faccia diretto riferimento il video, ma il colore acceso delle maglie che si intravedono oltre i buchi del tetto fanno pensare alla realtà carceraria, e i recenti fatti di attualità che arrivano dal Brasile – le numerose morti del gennaio 2017 nella prigione Penitenciária Agrícola di Boa Vista a Monte Cristo e prima quelle del complesso carcerario Anísio Jobim di Manaus – vanno a sostegno di questa associazione. Il problema del sovraffollamento delle prigioni, delle insostenibili condizioni di vita dei carcerati, le sempre più aspre lotte tra bande rivali all’interno degli stabilimenti carcerari, le rivolte e i tentativi di evasione sono oggi all’ordine del giorno in Brasile.

Con questo lavoro Marcelle sottopone allo sguardo di un pubblico internazionale una grande piaga nazionale: se l’importanza di questa denuncia e la forza del suo intervento sono stati colti dalla giuria, Chão de caça non ha purtroppo sortito lo stesso effetto sulla stampa. 

2017-05-17
Events 3
Votes 24
Opinions 8
grazie
1

Bianca provo ad aiutarti

per me è stato emozionante! suono amplificato magnifico! loro due fratelli bravissimi di Torino, My cat is an alien il nome del loro gruppo. La sala di registrazione sarà messa a disposizione di chi lo chiede. Per me è un bellissimo progetto. 

2017-05-16
Events 1
Votes 27
Opinions 16
grazie
0

Qualcuno mi aiuta a capire?

Qualcuno ha visto il Padiglione della Francia nel bel mezzo di una performance? 

II progetto sulla carta non sembrava male. Si era parlato di commistione tra architettura, musica e tecnologia; di riferimenti al Merzbau di Schwitters e poi l'idea di un luogo di esposizione che diventa luogo di registrazione, dove anche i rumori dei passi del visitatore entrano a far parte della traccia che sarà il risultato di questa sorta di happening lungo sei mesi potrebbe dar luogo a qualcosa di molto interessante. 

Eppure gli aspetti che ho appena elencato non mi dicono nulla di più. Messi insieme non fanno clic. Sono entrata nel padiglione in un momento morto, e mi sono trovata in un bello studio di registrazione. Poi sono uscita.

Non sto scrivendo con tono supponente, mi piacerebbe davvero se qualcuno mi aiutasse a trovare qualche chiave di lettura in più.

2017-05-16
Events 1
Votes 5
Opinions 2
grazie
2

Il primo amore non si scorda (quasi) mai.

Una nota a piè di pagina scritta a mano da Alberto Giacometti, il racconto di James Lord nella biografia dell’artista e un nome di donna: Flora Mayo. Questa la miccia che ha acceso la curiosità di Teresa Hubbard e Alexander Birchler, coppia di video-artisti, ingaggiati da Philipp Kaiser – curatore del Padiglione della Svizzera 2017 – per apportare il loro contributo a Women of Venice.

Alla Biennale di quest’anno il duo artistico svizzero-americano ha presentato il risultato di una ricerca capillare tra archivi, biblioteche e moduli di censimento per riabilitare una figura dimenticata, quale è stata Flora Mayo, primo amore di Giacometti.

"Non possiamo veramente sapere chi era Flora Mayo e probabilmente non lo sapremo mai. Rimangono troppe poche testimonianze a riguardo." – ha affermato Birchler in una recente intervista.

Il risultato delle scoperte fatte si condensa in "Flora", una doppia installazione filmica sincronizzata della durata di mezz’ora. Il video è proiettato su due maxi schermi, uno dietro all’altro, collegati mediante una colonna sonora comune.

Intrecciando materiale fittizio e documentario, Hubbard e Birchler ricostruiscono e ri-immaginano la vita e il lavoro di Flora Mayo, dando voce al figlio di lei, David, finora sconosciuto. Da un lato dello schermo siamo nella Parigi anni venti, dall’altro ci troviamo nel presente. A narrare la storia, alternativamente, Flora e il figlio. Ed è proprio attraverso questo escamotage che veniamo a conoscenza di tutta la vicenda.

La famiglia Mayo era benestante e aveva un grande magazzino a Denver, in Colorado. A diciannove anni Flora è costretta a un matrimonio infelice da cui nasce una bambina, Giovanna. Dopo cinque anni, Mayo chiede il divorzio e, lasciatasi alle spalle la figlia, si trasferisce a Parigi per diventare un’artista.

È il 1925 quando Flora incontra Giacometti – “Jack” - per la prima volta presso l'Académie de la Grande Chaumière, nella classe dallo scultore Antoine Bourdelle. Da qui ha inizio una relazione intensa, alimentata dall’energia creativa generata dall’attività artistica dei due.

Giacometti, nel filmato, non è mai ripreso in volto, a connotarlo un busto a cui Flora lavora incessantemente e delle riprese fuori campo focalizzate sulle mani intente a fumare sigarette.

Non tutte le storie hanno un lieto fine: per circostanze poco chiare, Giacometti lascia Flora; la ragazza è costretta a fare ritorno negli States a causa della crisi economica mondiale, che colpisce la famiglia Mayo facendogli perdere ogni ricchezza. In un’America in declino, la giovane donna è costretta a fare i conti con la povertà: lavora al tornio in una fabbrica d’armi per guadagnarsi da vivere.

Flora non è solo un film sulla storia d’amore tra Mayo e Giacometti ma è anche una conversazione tra un figlio e la madre scomparsa.

Nel corso delle ricerche, infatti, Hubbard e Birchler scoprono che Mayo, poco dopo il suo ritorno negli Stati Uniti ha avuto un secondo figlio, David - oggi ottantenne, residente a Los Angeles.

Le conversazioni che gli artisti hanno intrattenuto con lui, hanno giocato un ruolo importante per la riuscita di Flora; la madre aveva sempre nascosto al figlio quanto le fosse costato rinunciare alla carriera d’artista. David, dal canto suo, ricorda quanto le piacesse visitare mostre, ignorando i suoi trascorsi di scultrice prima dell’incontro con Hubbard e Birchler, poichè Mayo aveva totalmente cessato ogni aspirazione quando aveva lasciato Parigi. Senza contare che, al suo ritorno negli Stati Uniti, la madre era così povera da non potersi occupare del figlio, lasciato a una famiglia affidataria, alla quale la donna faceva visita solo la domenica pomeriggio.

La parte di documentario finisce con David davanti al busto della madre – unica opera realizzata da Giacometti, riconosciuta come Flora - a una personale dell’artista, mentre afferma commosso “It’s my mum… My mother!”,  dall’altra parte dello schermo, nella fiction, l’atmosfera in bianco e nero lascia spazio alla policromia di occhi e labbra della stessa opera.

"Flora" parla di una donna che avrebbe meritato molti più riconoscimenti come artista. Il lavoro di Hubbard e Birchler sancisce il protagonismo di questa figura. Flora Mayo per troppo tempo inosservata, coperta dall’ombra della vicenda artistico-esistenziale del suo amante, riesce finalmente a far sentire la sua voce e viene portata alla ribalta proprio nel luogo (il Padiglione svizzero) in cui Giacometti non aveva mai voluto apparire. 

2017-05-14
Votes 7
Opinions 4
grazie
1

Se solo tu potessi vedere quello che io ho visto con i tuoi occhi

Katja Novittskova è l'artista che quest'anno rappresenta il padiglione estone presso Palazzo Malipiero. La giovanissima artista ci presenta una selezione di lavori che indagano attorno ai processi animali e naturali all'interno dell'era tecnologica. Le immagini e i materiali, recuperati direttamente dal mondo visivo contemporaneo, ci proiettano in un futuro surreale e visionario ma al tempo stesso non così lontano.


2017-05-12
Events 2
Votes 2
Opinions 4
grazie
1

Mark Bradford: Tomorrow is Another